Draghi, esseri buoni o cattivi?

Draghi

un po’ di viaggio nel tempo. Ci stiamo muovendo da qualche parte determinati, ogni giorno tra il 5.000 e il 4.000 a.C. È proprio da quel tempo che le figure dei draghi fanno parte della nostra mitologia… e forse qualcos’altro. Lo sappiamo grazie ai resti architettonici ritrovati e risalenti a quegli anni

Ri esseri magici da cui sono sempre state ricercate nuove impronte sulla terra, impronte fisiche in questo caso, che fanno saltare in aria centinaia di migliaia di teorie scritte su di loro. E ci sono così tante culture che hanno adorato i draghi. Per alcuni di questi esseri vivono nell’oceano, per altri al centro della terra, alcuni hanno le ali, per centinaia di altre gambe, nove teste, alcune sono protettive, altre distruttive…

Quello che tutte queste culture hanno in comune è che i draghi sono esseri che simboleggiano la forza e il potere. I grandi studiosi del soggetto hanno impostato la dea babilonese e assira Tiamat, simbolo del mare, come primo riferimento all’esistenza dei draghi.

Tuttatutto, tutti noi sembriamo draghi grazie alla cultura cinese. Il Nella mitologia cinesedice che i draghi sono composti da nove parti di diversi animali: corna di cervo, orecchie di bue, testa di cavallo, occhi di tigre, artigli di aquila e tigre, pancetta di cozze, squame di carpe e corpo di serpente.

In Asia i draghi hanno a che fare con l’acqua e controllano il potere della pioggia. La maggior parte sono forze della natura e dell’universo, e quindi simboli di saggezza, fortuna, fortuna, nobiltà e divinità. Pertanto, dall’Oriente non otteniamo draghi di cattivo carattere…

Il drago malvagio è stata la creazione della cultura occidentale. Si Hercules che combattevano i draghi, e l’Europa settentrionale aveva per affrontare Jormungandr, il Serpente del mondo stesso. I draghi dell’Occidente sono creature feroci, bestie che rapivano fanciulle, che rubavano tesori, distruggevano città e colture,

Ci sono draghi che incarnano il male, draghi che mangiano i bambini, il sole, la luna, draghi che sono i creatori di eclissi e disastri naturali. Ecco perché può essere raro per la nostra cultura occidentale leggere alcuni libri o guardare alcuni film in cui i draghi sono buoni e protettivi. È così che l’Oriente li vede, ed è così che sono,

Via Wili Hybrid

Add a Comment