Mari, la divinità basca delle tempeste

Grotta di Mari

Much della mitologia di Euskadi ha sofferto, dopo la cristianizzazione dei suoi miti, una moltitudine di adattamenti e cambiamenti. Alcuni miti prima di questa riforma, specialmente quelli più radicati nella cultura basca, sono venuti a noi e hanno conservato gli aspetti terrestri (personificazione dei fenomeni e l’adorazione della natura) insiti nelle culture più antiche. E certamente, la cultura basca è vecchia quanto le sue origini sono sconosciute,

La dea Mari è conosciuta con molti nomi: Maya, Loana-Gorri, Lezeko-Andre, Aralarko Damea e molti altri (a seconda della regione dove sentiamo la storia) e vive all’interno della terra, nelle sue grotte e grotte, dove detiene enormi ricchezze.

Sotribendo a voi la possibilità di cambiare forma e scegliere il più appropriato in base all’occasione. Se qualche incutoso l’ha incontrata nella sua tana, è probabile che l’abbia vista nella sua forma zoomomorfica (a volte con arti animali o completamente trasformata in una) mentre se decide di camminare al sole la vedremo come una bella signora pallida. Per muoversi attraverso i cieli e causare grandi tempeste, prende la forma di un brandelli di nubi rossastre, e povero di chi non lo piace con offerte…

Non sembro, la tradizione non lo considera un essere malvagio. I buoni uomini che vennero da lei per un consiglio furono ascoltati e aiutati, ma lei era ferma e implacabile con gli imbroglioni e disonesta, che furono immediatamente puniti. Detiene il titolo di Regina dei Geni, delle altre entità soprannaturali. Egli è anche accreditato con due discendenti il cui sesso dipende, come altri fattori, da dove ci raccontano la storia,

Il tuo compagno più vicino è Maju, che di solito è raffigurato come un serpente a più teste avvolto dalle fiamme (e si nutre di “tutti i tipi” di carne). Si dice che nelle occasioni in cui sono entrambi nel cielo, si verificano le tempeste più spaventose e più violente,

Nover radicato è il mito, che nel santuario di San Miguel de Aralar conserva ancora una piccola apertura a destra dell’altare, e che dicono raggiunge l’interno della caverna di Mari. La gente mette la testa dentro e prega il credo per alleviare il dolore e il disagio del testa.

I Paesi Baschi sono prolifici leggende e miti legati alla terra e agli elementi e non è strano, in quanto ha paesaggi pieni di magia e mistero. Ne vale la pena, se sei appassionato di storie piene di mistero e significato, dai una recapada al . (Tra noi, si può essere interessati a sapere che fino al 27 giugno si può godere, per gentile concessione di Turismo dei Paesi Baschi, uno sconto del 20% su alberghi, pensioni e cottage.

Foto Via: Il Leitzaran

Add a Comment